Tweets dalla Parrocchia

la nostra pagina di facebook

La nostra pagina di Twetter

Pagina Twitter di Papa Francesco

Centro di Ascolto Parrocchiale

News dal Vaticano

Feed non trovato

Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici

Il Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici (CPAE) è un organismo di partecipazione obbligatorio a norma del can. 537 CJC, avente il compito di aiutare il parroco nell’amministrazione dei beni della parrocchia. Deve essere formato da fedeli che si distinguono, oltre che per la competenza in materia giuridico-amministrativa, anche per la loro ecclesialità.
Il CPAE, nonostante la sua natura consultiva, è chiamato ad esprimere non solo un parere tecnico, ma a condividere la responsabilità dell’intera vita della parrocchia attraverso una corretta e proficua gestione dei suoi beni.L’amministrazione dei beni della parrocchia deve ispirarsi non solo a criteri tecnici ed economici, ma anche a principi di ordine specificamente ecclesiale, primo fra tutti quello dei fini propri dei beni temporali della Chiesa.
Il CPAE non può sostituirsi al parroco o essere considerato un vero e proprio consiglio d’amministrazione della parrocchia.Il parroco non può discostarsi dal parere espresso dal CPAE se non per gravi motivi. E’ richiesto sempre il parere del CPAE ai fini del rilascio delle autorizzazioni per gli atti di straordinaria amministrazione relativi alla parrocchia. Il parroco unitamente al CPAE illustrerà al consiglio pastorale il rendiconto consuntivo annuale della parrocchia, e informerà l’intera comunità parrocchiale circa l’uso delle offerte e lo stato economico e finanziario della parrocchia .

Regolamento

Questo regolamento deve essere adottato in tutte le parrocchie della diocesi.

Art. 1 Costituzione e natura
1§1 Il Consiglio parrocchiale per gli affari economici (CPAE), costituito a norma del can. 537 del CJC, è l’organismo che promuove ed esprime la collaborazione responsabile dei laici alla vita amministrativa della parrocchia.
1§2 Il CPAE opera, nell’ambito economico di sua competenza, in conformità alle direttive pastorali diocesane e alle norme canoniche e civili.

Art. 2 Finalità e compiti
2§1 Scopo specifico del CPAE è di coadiuvare il parroco nella gestione economica della parrocchia (can. 1280-1288), tenendo conto delle finalità proprie dei beni ecclesiastici e cioè: l’esercizio del culto, il decoroso e conveniente sostentamento del clero e delle persone in servizio della parrocchia, le attività pastorali e caritative (cann. 532; 1254 § 2).
2§2 Il CPAE, operando per conto della comunità nella retta amministrazione dei beni della parrocchia, ha il compito di:

· coadiuvare il parroco nel predisporre la previsione di spesa della parrocchia, elencando le voci in riferimento a una ponderata programmazione pastorale e alle varie urgenze e necessità, individuando i relativi mezzi di copertura;
· dare il proprio parere sugli atti di maggiore importanza nell’amministrazione e, soprattutto, su quelli di amministrazione straordinaria;
· svolgere opera di informazione e di sensibilizzazione della comunità parrocchiale in ordine alla gestione complessiva, ottemperando anche alle norme assicurative e previdenziali e agli obblighi legislativi e fiscali dell’ente parrocchia;
· condividere con il parroco l’impegno della conservazione e manutenzione degli edifici, attrezzature, mobili e arredi di competenza parrocchiale, con particolare attenzione per il patrimonio storico e artistico;
· approvare alla fine di ciascun anno, previo esame dei libri contabili e della relativa documentazione, il rendiconto consuntivo e predisporre il bilancio preventivo;
· farsi attento e sensibile alle esigenze degli organismi inter-parrocchiali e diocesani, in particolare degli istituti previsti dal can. 1274, per contribuire adeguatamente alle loro finalità.

2§3 Il CPAE ha voto consultivo (can. 1280-1282). Il parroco deve chiederne il parere per i bilanci annuali e per tutti gli atti di straordinaria amministrazione. A norma del can. 532 spetta al parroco la rappresentanza legale della parrocchia.

Art. 3 Composizione
3§1 Il CPAE è composto dal parroco e da almeno tre laici, di cui uno in rappresentanza del consiglio pastorale parrocchiale, al fine di assicurare il collegamento e la necessaria collaborazione tra i due organismi. Tra i membri del consiglio viene designato un segretario per la stesura dei verbali, la custodia dei documenti e i normali compiti di segreteria.
3§2 Spetta al parroco la nomina dei consiglieri. Essi vanno scelti tra persone di riconosciuta integrità morale, partecipi alla vita ecclesiale, capaci di valutarne le scelte economiche con spirito cristiano e competenza tecnico-amministrativa. I nominativi vanno comunicati all’Ordinario diocesano almeno 15 giorni prima del loro insediamento.
3§3 I membri del consiglio parrocchiale per gli affari economici durano in carica tre anni. Il mandato può essere rinnovato.

Art. 4 Presidente
4§1 Il presidente del CPAE è il parroco.
4§2 Spetta al presidente convocare e presiedere il CPAE, stabilire l’ordine del giorno e provvedere all’attuazione di quanto stabilito dal CPAE.

Art. 5 Funzionamento
5§1 Il CPAE si riunisce almeno due volte l’anno ed ogni qualvolta il parroco lo ritenga opportuno. Alle riunioni potranno partecipare, su invito del presidente, anche altre persone in qualità di esperti. Ogni consigliere ha facoltà di far mettere a verbale le osservazioni ritenute opportune.
5§2 Nell’accettare l’incarico, i consiglieri assumono l’impegno di compiere con diligenza il proprio mandato, di partecipare alle riunioni e di giustificare eventuali assenze, di conservare il segreto sugli argomenti trattati.
5§3 Per la validità delle riunioni del CPAE è necessaria la presenza della maggioranza dei consiglieri. I verbali del CPAE, redatti su apposito registro, vanno firmati dal parroco e dal segretario del consiglio stesso e approvati nella seduta successiva. Verbali, registri, libri contabili e documenti amministrativi devono essere conservati unicamente nell’ufficio–archivio parrocchiale.
5§4 Si considera dimissionario il consigliere che, senza giustificazione, manchi a tre sedute consecutive. Nel caso di dimissione, di revoca o di invalidità permanente di un consigliere, il parroco provvede, entro 15 giorni, a nominare il sostituto.

Art. 6 Esercizio finanziario
6§1 L’esercizio finanziario della parrocchia va dal 1° gennaio al 31 dicembre. Alla fine di ciascun esercizio, e comunque entro il mese di marzo successivo, il parroco presenterà all’Ordinario diocesano il resoconto consuntivo, debitamente firmato dai membri del consiglio.

Art. 7 Informazioni alla Comunità
7§1 Il consiglio parrocchiale per gli affari economici presenta annualmente al consiglio pastorale e alla comunità parrocchiale il rendiconto delle entrate e delle uscite e la relazione sulla situazione economico-finanziaria della parrocchia, indicando le iniziative opportune per il reperimento delle risorse necessarie alla realizzazione delle finalità di cui all’art. 2.

Art. 8 Rinvio alle norme generali
8§1 Per quanto non contemplato nel presente statuto, si fa riferimento alle norme del Diritto canonico e dell’Istruzione in materia amministrativa (2005).

 

 

COMPONENTI

Presidente  Don Giuseppe Arcidiacono
Segretario  Sestito Domenico
Componente  Gagliardi Antonio
Componente  Pastore Carmine
Componente  Tocci Antonio
Componente  Zicari Rosario

 

 

 

Cerca

Accesso Utenti

Diocesi di Cassao allo Jonio

Santa Sede

CEI - Conferenza Episcopale Italiana

Azione Cattolica Italiana

Rete Ufficiale del Vaticano

Centro Televisivo Vaticano

Osservatore Romano

Avvenire

Agenzia Fides

Radio Vaticana